Eat & Drink

Il menù della Taverna comprende proposte per ogni momento della giornata, che sia una pausa veloce o una cena formale.

Accanto ai piatti del giorno, curati dallo chef Fabrizio Albini, è disponibile una selezione di formaggi e salumi del territorio di prima qualità, focacce, insalate e dessert, da gustare insieme a un bicchiere di vino, una birra, un long drink.

Clicca qui per vedere sfiziose proposte culinarie della Taverna e qui per scoprire la selezione dei vini al calice e la lista dei cocktail!

Il Ristorante

I muri a vista delle sale della Taverna Re Manfredi, scavate nel sasso dalla mano dell’uomo, anticipano già al primo sguardo la cura artigianale che si ritrova in ogni piatto.

I tavoli sul soppalco sono a disposizione di chi cerca un’atmosfera ancora più intima e riservata. E nelle belle giornate la terrazza esterna coperta consente agli ospiti di godere appieno del sole e della brezza mediterranea.  

Ristorante

Bistrot e Wine Bar

L’ambiente caldo e accogliente della Taverna Re Manfredi la rende l’ideale per una merenda golosa o un aperitivo dopo il lavoro.

La musica, il vino, la focaccia integrale con i salumi, i formaggi e i prodotti della tradizione: bastano pochi ingredienti per trasformare una piccola pausa in un momento conviviale e rigenerante.

Bistrot

La Chef e la sua filosofia

Bresciano, classe 1976, Fabrizio Albini ha un curriculum di tutto rispetto, fatto di esperienze nazionali e internazionali. Ha lavorato in Francia e a Tel Aviv e in Italia per strutture di alto livello come L’Albereta di Erbusco e la cucina San Franscesco del Cappuccini Resort di Cologne, entrambe nel Bresciano, e il Cristallo Hotel Spa & Golf di Cortina d’Ampezzo.

È stato anche executive chef del ristorante The Stage di Milano, contribuendo al suo restyling. È membro della Compagnia degli Chef e docente per diverse associazioni di categoria.

Artigiano e artista, Albini è cresciuto nell’osteria del nonno, osservandolo e affiancandolo mentre preparava i piatti della tradizione locale. A queste solide basi ha poi aggiunto il suo estro creativo, che si esprime innestando nelle ricette tradizionali colori, profumi e sapori memorabili, capaci di rinnovare senza stravolgere. Il bagaglio del passato rimane un punto di partenza imprescindibile, accanto al massimo rispetto per la materia prima. Ecco perché lo chef sceglie di combinare, nei suoi piatti, pochi ingredienti – tre o quattro al massimo – per esaltare al meglio ciascuno di essi.

Alla Taverna Re Manfredi in cucina come nell’area bar, Albini ha voluto coinvolgere e far crescere un gruppo di giovani talenti. Una brigata che con lui condivide una filosofia sintetizzabile in due parole chiave: eleganza e semplicità, forse il risultato più complesso da ottenere.

Chef

PRENOTA IL TUO TAVOLO